Quando.

Quando non dà resto la mancia.
Quando la sera si stanca,
cede alla gravità,
e anche l’ombra dell’anima tramonta.
Quando prima del dopo
è già passato, o non passerà il durante.
Quando uno sguardo condiviso,
che amalgama all’eterno due istanti paralleli,
si frantuma nella polvere cieca
di quattro pupille apparentemente speculari
e già lontane.
Quando poi i volti della gente sbiancano
nell’espressione muta dei pronomi impersonali.
Quando non ci sono parole fresche
condite di virgole né accenti in frigo
Quando i sogni finiscono con le lettere
della tastiera
e con youtube (mi piace)
e il sonno che non viene.
E quando chiedo la notte,
per interrogare pensieri a tentoni,
quando le risposte, come le idee, come il sole,
si vedono, ma non si possono guardare.

4 comments on “Quando.

  1. Ma scrivi delle poesie bellissime!!!!!
    “quando le risposte, come le idee, come il sole,
    si vedono, ma non si possono guardare”
    com’è vero!

  2. Incantata. Chapeau.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *