Andare di corsa

 (no, non è una metafora)

L’età avanza, su questo non ho dubbi.
Ho mal di schiena quasi sempre, mi sveglio con le borse sotto gli occhi, quando mangio pesante faccio gli incubi, se mi concedo una serata alcolica mi rimane il male alla testa per un paio di giorni.
Neanche dieci anni fa bevevo 10 vodka lemon in una sera, andavo a letto alle 6 del mattino e alle 8 già ero al lavoro, con una lattina di coca cola nello stomaco per colazione.
Sì, altri tempi. Meno male anche.
Ma a questo punto urgono alcune attenzioni in più: struccarsi la sera, per esempio
provare a fare sport.
Per chi non lo sa, odio lo sport.

Ma ora non ho più tante scuse, perché, lavorando praticamente sempre da casa, non posso più dire che non si “concilia” con la mia vita di mamma e lavoratrice. Qua è quasi tutto conciliabile.
E anche il clima sta diventando più conciliante (a parte qualche ehm grandinata!)

Quindi settimana scorsa ho iniziato.
h.6.30 sveglia, colazione e giornali
h.7.00 sveglia del piccolo, colazione, cartoni animati e preparativi vari
h.8.00 entrata all’asilo
h.8.10 si inizia a correre
h.8.25 si sta camminando perché si sta per svenire
(questi ultimi due punti si sono ripetuti per circa 60 minuti)

Ma il programma consigliatomi da Guy è in corso e io corro.

Un’ultima nota: credo ci sia una bibliografia e citazioni infinite sul tema della corsa, quindi perdonatemi la banalità, ma io quando corro mi sento veramente una forza della natura.

Ed ecco alcuni consigli per chi vuole iniziare questa meravigliosa esperienza

– leggetevi La solitudine del maratoneta, per ispirarvi

– compratevi delle scarpe da corsa: da Decathlon ne vendono a pochissimo e saranno sempre meglio delle Converse dalla suola liscia che avevo provato ad usare io settimana scorsa!

– fate qualche esercizio di stretching prima di iniziare, vi sentirete dei deficienti o entrerete in uno strano incubo di voi alle scuole medie alle prese con il test di cooper (si chiamava così?), ma vi eviterete strappetti vari in parti del corpo che non vi ricordate neanche di avere

– se correte su una pista è meglio, in mezzo agli alberi è meglio, al mare è ancora più meglio 😉

visita il mio blog castagnamatta.blogspot.com

1 comment on “Andare di corsa

  1. complimenti per il programma!!
    anch’io ci ho provato ma ho abbandonato al secondo giorno:
    -pigra – mi sento una deficente a correre da sola – e tante altre scuse che il mio cervello mi detta.
    occhio alla schiena, il mio ortopedico me la sconsigliata per tutti i microtraumi che prende a ogni passo che fai … ah ecco perchè ho decisamente appeso le scarpe al chiodo….
    ciao
    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *