stelle-cadenti-di-inverno

Stelle cadenti di inverno

“Andiamo via stasera?”
“E dove?”
“Andiamo a guardare le stelle”
“Le stelle?”
“Sì ho letto che cadono le stelle stasera”
“Le stelle cadenti di inverno?”
“Sì”
E andiamo. La strada è dritta e non c’è niente da dire, fa freddo, è inverno. Dormo un po’, ho il sonno arretrato delle mamme di cuccioli, il sonno che ti fa dormire solo quando loro non ci sono, un sonno che ti tiene sveglia quando loro sono svegli.
La strada è dritta e la pioggia sta dando una tregua. Si vedono le campagne lucide di acqua e mentre gli occhi si chiudono e si aprono si chiudono e si aprono mi sembra di vedere un lago.
“Dove andiamo?”
“A vedere il cielo”
Mi ricordo di una vigilia seduta dietro in auto, a tracciare con il dito sul finestrino i percorsi delle gocce che cadevano e con l’altra mano tenere stretto il mio regalo, un leoncino trudi.
Arriviamo.
Apriamo il tetto dell’auto. Stiamo qualche minuto a respirare il freddo e poi clic, una goccia, un’altra goccia, un’altra goccia, un’altra goccia. Neanche una stella, cade la pioggia stanotte.
Poi ripartiamo. La strada al ritorno sembra ancora più lunga, con una mano a tenere stretto il suo braccio e con gli occhi a seguire i percorsi delle gocce che cadono.

 

Questa fuga è stata fatta grazie al test drive della #ix35 by Hyundai (con tettuccio panoramico!)

 

 

 

0 comments on “Stelle cadenti di inverno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *