Sono inquieta diceva Sally

Halloween è un pezzo della mia vita. Preparavamo uno spettacolo esagerato: un castello, scenografie, costumi,  decine di comparse. Settimane di lavoro, a provare materiali, scene, trucchi (carne morta, pelle morta).
I giorni al castello a costruire le scene, al freddo, su e giù da scale, segrete, saloni. Serate davanti al fuoco a parlare. Tanti amici.
Arrivata la sera di Halloween, un fermento. Ombre in posizione.
Le guide trascinavano gruppi di persone tutta le notte, terrorizzati, spettatori di momenti macabri, insanguinati, bui. Protagonisti di inseguimenti, ricerche, fughe.
Poi la festa finale. Finalmente un sospiro, per tutti, è fatta, l’abbiamo fatto, siamo stati bravi. E le risate.

Eravamo così.

 

La notte Horror de La compagnia San Giorgio e il drago c’è ancora, seguite la loro pagina facebook 

2 comments on “Sono inquieta diceva Sally

  1. Per me le zucche sono buone per farci i tortelli. Ma io sono mooooolto limitato…

    • Sabina Montevergine

      Anche.
      Ma sai, non vale niente Halloween, è una festa come un’altra. Ma a volte le feste sono legami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *